Articoli

Come nasce un mosaico….dietro le quinte

Quando viene commissionato un mosaico la parte della progettazione è la più importante di tutte.

Arriva da me un cliente e mi dice : ‘Vorrei una specchiera per il mio nuovo bagno’.

Benissimo! Da dove cominciamo? Quanto è grande il bagno? Quali sono i colori predominanti? Poi la forma e le dimensioni dello specchio, i materiali, il disegno….insomma ecco che la parte creativa e più bella del mio lavoro inizia!!

Dopo una lunga e accurata chiacchierata con il cliente, finalmente si parte da un’idea, o meglio, da un disegno: i fiori e i colori delle ceramiche islamiche delle moschee turche.

Il modo migliore per rappresentarli è usare gli splendidi colori vivaci degli smalti (vetro specifico per il mosaico) realizzati nelle antiche fornaci di Venezia; piccole e preziose murrine (quei deliziosi fiorellini sempre prodotti nella famosa laguna) e i vetri specchiati, che fanno sì che la luce sia riflessa e la cornice brilli, a seconda della prospettiva da cui si guarda. Per finire, un bel fondo neutro di marmo bianco, misto di Carrara (brillante e zuccherino) e di Trani (bianco latte, più compatto) che metta in risalto solo il disegno principale.

Dopo aver realizzato il disegno, si passa alla preparazione del supporto, la cornice di contenimento e infine al taglio delle tessere.

La parte che mi entusiasma di più è proprio questa: selezionare i colori, mettere sul tavolo tutte le varietà di materiali , cercare le murrine più adatte, i vetri con la giusta tonalità e brillantezza: insomma mi sembra di essere una bambina in un negozio di giocattoli! E poi tagliare minuziosamente e sapientemente tessera per tessera, affinché si incastri perfettamente con le altre fino a creare un movimento fluido, un andamento armonioso.

Adesso che è tutto pronto si può cominciare e l’emozione più forte è quella di veder prendere vita un qualcosa che era solo nella tua testa, che già vedevi ma che adesso puoi anche toccare!

La creatività che diventa tangibile: un’enorme soddisfazione.

E’ per tutto questo che amo il mosaico.